fbpx

Puglia on the road, l’itinerario perfetto in auto

Organizzare un tour della Puglia in auto può essere la soluzione migliore per concedersi il privilegio di conoscere al meglio questa terra meravigliosa, dove l’azzurro del mare cristallino si staglia contro il bianco delle pietre calcaree e il verde degli uliveti.
Il territorio pugliese, vasto e prolungato, offre una quantità innumerevole di scorci mozzafiato e località fiabesche; difficile poterlo riassumere in poche tappe, impossibile identificare una zona “più bella” di altre, in assoluto: la regione meriterebbe una vacanza di parecchi mesi, ma, partendo dal presupposto che non tutti possano permettersela, si renderà necessaria una scelta.
Quale tipo di vacanza intendete fare? Ricercate il mare e il relax, oppure preferite le zone naturalistiche? Volete andare alla scoperta della storia, del folklore e dell’enogastronomia locali? Viaggiate con bambini?
Tentiamo, dunque, di suggerirvi un ideale tour della Puglia on the road che, partendo dalla zona strategica della Valle d’Itria, vi condurrà alla scoperta di città e località forse meno rinomate dal punto di vista turistico, ma certamente uniche.

Puglia on the road: alloggiare in Valle d’Itria

Il nostro tour della Puglia in auto parte dalla Valle d’Itria, nota anche come Valle dei Trulli, zona centrale dell’entroterra, compresa tra le province di Bari, Brindisi e Taranto e corrispondente all’altopiano meridionale delle Murge.
Si tratta di un punto di partenza strategico per un tour della Puglia in auto, dal momento che, da qui, potrete comodamente raggiungere qualsiasi destinazione, grazie alla posizione centrale.
Se provenite da nord, la prima tappa potrebbe essere Alberobello: non potrete, infatti, perdere l’occasione di pernottare all’interno di un trullo, esperienza da favola che non dimenticherete mai più.
Dovrete, però, prenotare per tempo, data l’altissima richiesta da parte di turisti provenienti da tutto il mondo, soprattutto in alta stagione.
Sparsi per Alberobello, infatti, ci sono circa mille trulli, la maggior parte dei quali allestiti proprio a scopo di ricezione turistica, tuttavia il loro numero è piuttosto ridotto, rispetto alla richiesta.
La storia di queste abitazioni, realizzate secondo tecniche antiche, è davvero affascinante e, all’interno della volta a cono, tra pietre grezze e intonaci bianchi, potrete respirare l’anima più affascinante della Puglia.
Poco distante da Alberobello, in direzione nord-ovest, c’è un’altra cittadina, forse meno famosa, ma degna di nota: si tratta di Noci, piccola perla, poco frequentata, che conserva ancora i tratti distintivi dell’occupazione normanna.
Anche qui ritroverete alcuni trulli, tuttavia sarà possibile soggiornare anche presso antiche masserie restaurate, che offrono percorsi enogastronomici, con prodotti a km0 preparati secondo la tradizione e aree di degustazione vini.
Una volta trascorsa qualche notte in questo incredibile angolo di Puglia, potrete proseguire il vostro tour on the road alla scoperta della Puglia.

Itinerario Puglia 7 giorni

Uno dei paesi più vicini ad Alberobello, a sua volta davvero unico, è Locorotondo che, già dal nome, rimanda alla magia del luogo e che è stata annoverata dal Touring Club come uno dei borghi più belli d’Italia.
Il toponimo deriva dalla tipica struttura architettonica del paese, organizzata su stradine concentriche, contornate da piccole casette bianche, col tetto a spiovente.
Anche la vicina Martina Franca è un vero e proprio intrico labirintico di stradine, vicoli ciechi e curve secche in cui bisognerebbe perdersi per almeno qualche ora.
Qui i trulli sono chiamati casedde e li potrete incontrare, sparsi per il borgo.
A poca distanza si sviluppa la Riserva Naturale Bosco delle Pianelle, meta degli amanti del trekking tra i boschi.
Lungo la statale che porta ad Ostuni non sarà raro incontrare masserie fortificate che dominano i campi circostanti, dove potrete sostare o trascorrere la notte.
Dopo la visita d’obbligo a Ostuni (che deve il nome di “città bianca” per il colore delle case, intonacate di calce), potrete dirigervi verso una delle numerose cittadine marittime, affacciate sulla costa adriatica, presso le quali concluderete degnamente vostro tour della Puglia in auto.
La parte di litorale compresa tra Torre Canne e Torre San Leonardo presenta alcune spiagge bianche e sabbiose ed altre più rocciose e scoscese e un mare cristallino.

Itinerario Puglia 15 giorni

Per coloro che abbiano la possibilità di prolungare il tour, si presentano diverse possibilità: potrete restare qualche altro giorno nella valle d’Itria, oppure proseguire la discesa verso il tacco dello stivale.
Nell’entroterra, ci sono innumerevoli altre zone di interesse: Cisternino (a 60 Km da Bari e 10 da Locorotondo), ad esempio, è un piccolo paesino arroccato sulla parte meridionale della Murgia, caratterizzato da casette di roccia calcarea, addossate l’una all’altra, che si affacciano sul gradone roccioso da cui si domina la vallata boscosa.
La zona è disseminata di trulli e masserie e potrete decidere anche di vivere una stupenda bike experience, imboccando la ciclovia dell’acqua: itinerario di circa 10 km, che scorre parallelo all’acquedotto pugliese e attraversa la macchia mediterranea.
A nord di Locorotondo troverete Fasano, sito di interesse storico-archeologico e luogo davvero caratteristico: case alte, in calce bianca sono addossate l’una all’altra per mantenere all’ombra le viuzze interne.
La zona è molto famosa soprattutto per l’ampia area selvatica e boschiva, presso la quale è stato creato uno zoo safari, secondo in Europa per ampiezza.
Se vi siete spinti fin qui, varrebbe la pena fare un salto a Monopoli, uno dei porti pugliesi più attivi, affacciato direttamente sul mare adriatico e circondato dalle mura medioevali.
Le zone è, da sempre, area prettamente agricola, ma, lungo la strada, incontrerete numerose indicazioni per scavi archeologici, siti rupestri, trulli, casali antichi e, soprattutto, masserie fortificate (alcune delle quali del XVII secolo).
Procedendo verso sud, si incontra Matera, una delle città più antiche del mondo, ancora oggi abitata: rinomata per i famosi Sassi (rione di case scavate direttamente nella roccia calcarea, a ridosso del burrone della Gravina), è stata riconosciuta patrimonio dell’UNESCO nel 1993.
A questo punto, dalla Valle d’Itria, potrete concludere il tour della Puglia, raggiungendo il mare del Gargano oppure il Salento.
Lo “sperone d’Italia” è una zona contraddistinta da acque cristalline, circondate dai promotori rocciosi e boschivi della macchia mediterranea: da Rodi Garganico, passando per Peschici, Vieste, fino a Manfredonia, troverete spiagge davvero meravigliose.
Se, invece, volete tuffarvi in un vero e proprio paradiso tropicale, dovrete scendere verso Lecce e, da lì, raggiungere la punta estrema della Puglia.
La città è considerata tra le dieci più belle d’Italia e merita di essere visitata, situata a metà strada tra la costa adriatica e quella ionica.
Da Lecce, imboccando la statale interna, attraverserete una zona particolarissima: la cosiddetta Grecia salentina, porzione di territorio compresa tra Soleto, Martano, Sternatia e Corigliano d’Otranto, dove si parla il griko, un dialetto di origine ellenica.
Procedendo lungo la costa adriatica, invece, incontrerete Otranto, che, con Punta Palascia, è il punto più orientale d’Italia.
Otranto è semplicemente meravigliosa, contraddistinta dal bianco degli edifici a contrasto con il turchese dei 25 Km di litorale.
Potrete quindi proseguire con la serie consecutiva di Santa Maria di Leuca (punto di scambio tra Mare Adriatico e Mar Ionio) – Pesculose (le “Maldive del Salento”) – Gallipoli (la perla della costa ionica): al mercato locale potrete mangiare il pesce crudo direttamente dagli stessi pescatori, oppure aspettare, seduti al tavolo di uno dei tanti locali affacciati sul mare, che il tramonto tinga di rosa il cielo.

Puglia in auto con i bambini: visitare lo zoo safari

Per tutti coloro che viaggiano con i bambini, c’è un luogo, a cui abbiamo già accennato, che sarà da considerare tappa obbligatoria: è lo zoo safari di Fasano.
Aperto, da aprile a settembre, tutti i giorni, non necessita di prenotazione, per cui sarete liberi di decidere anche all’ultimo momento quando farvi tappa.
Annesso allo zoo troverete il Luna-park Fasanolandia e il Sea Lion Aquarium che propone spettacoli e laboratori didattici per bambini, con foche, pinguini e leoni marini.
Potrete anche decidere di pernottare all’interno del parco, scegliendo una delle due strutture interne convenzionate con lo zoo: Park Hotel Sant’Elia e Castel Miramonti.

Cosa mangiare in Puglia on the rooad

Durante il viaggio in auto attraverso la Puglia, non sarà difficile incontrare, ai bordi della strade, bancarelle, food truck, aree ristoro e osterie dove gustare piatti tipici, ma anche notare uomini e donne, seduti sui muretti delle case, lungo i cigli delle vie o nelle piazze dei borghi, che offrono prodotti e pietanze tipiche: i più comuni sono coloro che, muniti di coltello, sbucciano e vendono fichi d’india freschi.
Lo street food sembra quasi appartenere alla tradizione stessa della Puglia, dove, da sempre, strade e piazze sono sinonimo di condivisione e convivio.
Se vi state chiedendo cosa mangiare in Puglia, durante il vostro tour on the road, la risposta non potrà che essere: “davvero di tutto”.
Oltre a pucce, panzerotti e focacce, infatti, potrete trovare primi di pasta e secondi di carne e pesce: orecchiette alle cime di rapa, pasta con pomodoro, ricotta e fave, oppure bombette di carne alla brace e fritture.
Ciascuna zona, provincia e città ha le proprie tradizioni culinarie, ricette e varianti: in Valle d’Itria vengono (ovviamente) privilegiate le preparazioni a base di carne, mentre nelle zone marittime è il pesce a far da protagonista; ovunque, invece, focacce, popizze (o scagliozzi: quadrati di polenta gialla fritta) e pettole (palline di pasta fritta, salate o dolci).
Per quanto riguarda la carne, dovrete assolutamente assaggiare i gnumareddi (involtini di frattaglie ed interiora di agnello o capretto, profumati all’alloro), accompagnati da taralli e cime di rapa.
Nelle zone marittime, invece, è il panino con polpo arrosto (o frittura di pesce) ad essere il finger food più apprezzato, ma in prossimità dei porti incontrerete sicuramente qualche pescatore che vi offrirà i crudi, appena pescati, conditi con limone: gli “allievi” (piccole seppie), le “tagliatelle” (calamari tagliati a listarelle), ricci di mare, cozze, polpi e “taratuffi”.
Per gli amanti del dolce, suggeriamo i panzerotti fritti dolci e il pasticciotto pugliese, a base di pasta frolla e crema pasticcera.

Road trip della puglia ©trueblueitaly

Vuoi fare un tour della Puglia on the road? Noleggia la tua auto e richiedi il ritiro e la consegna presso l’aeroporto di Bari o Brindisi o direttamente presso la tua casa vacanze. 

Il Lilla a Locorotondo

Cerchi la struttura ideale per la tua vacanza in Puglia? Scopri le offerte di Typney e prenota il tuo soggiorno in questa splendida terra.